mercoledì 25 febbraio 2015

ITPUG & PostgreSQL al GrappaLUG

Segnalo con piacere che uno dei soci di ITPUG, Denis, terrà un corso gratuito (ma riservato agli iscritti del GrappaLUG) su PostgreSQL.
Il corso si articola in 5 lezioni serali di 90 minuti l'una, volte ad accompagnare il pubblico dall'installazione alle prime interazioni con il cluster, fino all'uso avanzato dell'SQL (stored procedures, CTEs, etc.) per concludere con backup logico e fisico e, perché no, un po' di replicazione e Point In Time Recovery.

martedì 24 febbraio 2015

2015 CPAN Pull Request: February pending

My February assignment was not a piece of cake: I got MyCPAN::Indexer, a module by the great brain d foy, yes the author of so many Perl Books, the launcher of the Perl Mongers, and...you know, pretty much a lot of the Perl world.
Ok, what chance could I have to comment and improve the code of brian?
It does not matter, I did my homework at my very best.
The first step was to understand what the module was doing, and I have to say that the documentation did not helped me a lot. Then I had to try the module by myself in order to see when and how to make it working. And it took me a while to understand what should I do.
Please note that the module is by itself what brian calls a modulino, so a module that can be invoked also as a standalone application.

The code layout is...well, let me call strange. It is something I will not use, and something my Emacs refuses to use quite well, so this made changes a little more difficult. However, I limited myself to change the documentation and fix a few dependencies (optionals), as well as compressing a branch. Nothing really interesting, some monkey patching, but hey, it was a little too hard for me to do in a single month!
But I'm really happy, even if at the time of writing my patch has not yet been merged, and even if it will never be. It has been a great opportunity to be forced to learn from a real Perl guru!

Thank you ITPUG

2014 was a very bad year, one I will remember forever for the things and the people I missed.
But it was also the first year I missed the PGDay.IT, but today, thank to the board of directors and volounteers, I received the shirts of the event.
This is a great thing for me, as being part of this great community.





A special thank also to the OpenERP Iitalia!

lunedì 23 febbraio 2015

PostgreSQL & DTrace @ FreeBSD

Tempo fa mi ero scontrato, o meglio scornato, con la compilazione di DTrace e PostgreSQL (o meglio, la compilazione di PostgreSQL con DTrace) su FreeBSD. L'ultima volta, dopo aver riportato i problemi nella lista pg-hackers, avevo anche aperto un bug sul tracker di FreeBSD.
Ad oggi il problema non sembra ancora essere risolto, forse che non sia così interessante usare DTrace + PostgreSQL + FreeBSD?

Pare comunque esserci una soluzione da provare, legata al caricamento dinamico dei moduli di DTrace nel sistema prima di iniziare la compilazione.

Sondaggio ITPUG

Come già anticipato in precedenza, ITPUG ha svolto un sondaggio "interno" mirato all'individuazione di eventuali criticità e punti deboli per il benessere dei soci stessi.
I risultati sono stati globalmente positivi: i soci sono contenti dello stato attuale dell'associazione anche se si evidenziano alcuni punti sicuramente migliorabili.
In questo articolo non voglio fare una trattazione dettagliata dei singoli risultati, che risulterebbe sia noioso che probabilmente troppo soggettiva, bens^ presentera alcuni grafici riassuntivi circa le risposte date ai vari quesiti. Per chiarezza ho cercato di dividere i grafici in sezioni correlandoli fra loro logicamente (ovviamente questa non è l'unica suddivisione possibile).

Vorrei ringraziare tutti i soci che hanno reso possibile, con il loro impegno, il questionario e la raccolta dei dati, in particolare Denis, Simone, Andrej nonché tutti i membri del consiglio (e sicuramente me ne sto scordando qualcuno).

Comunicazione

La Comunicazione ITPUG appare buona, ovvero i contenuti divulgati soddisfano i soci. Il mezzo di comunicazione preferito resta la mailing list, seguita da blog/planet, e personalmente ritengo che questo sia dovuto alla natura stessa degli associati che, essendo per la maggior parte dei tecnici informatici, si trovino a proprio agio con le mailing list. Per il planet invece penso che la ragione sia dovuta alla presentza del ben piu' noto planet.postgresql.org, aggregatore ufficialmente riconosciuto di notizie e novità nel panorama PostgreSQL.



E' interessante notare come ci sia una crescente richiesta di comunicazione verso aziende e d enti commerciali, probabilmente dovuta al fatto che si vuole far conoscere PostgreSQL maggiormente a livello Enterprise.

Update: 23 Febbraio 2015

Dauna discussione in mailing list soci pare che le motivazioni dietro alla necessità di parlare ad aziende relativamente PostgreSQL sia anche per sfatare il mito che certi prodotti possano girare solo con database ben definiti. Il classico esempio è quello di uno stack LAMP, che come sappiamo tende a girare con un MySQL.

Quasi scontato, almeno secondo me, la maggior parte dei contenuti che i soci vorrebbero essere trasfmessi sui canali ITPUG sono quelli tencici.

Velocità nelle risposte

Dato che la mailing list resta lo strumento principale di   comunicazione fra i soci, come sono valutati i tempi di risposta?
In generle i tempi sono ritenuti normali, e qui mi sarebbe piaciuto vedere di piu' un veloci, ma dobbiamo anche fare i conti con il fatto che, a mio avviso, ITPUG è una realtà piu' piccola rispetto ad una community internazionale PostgreSQL, ove i tempi di risposta sono sicuramente migliori.
Anche le risposti del consiglio verso i soci sono considerati normali, e anche qui personalmente avrei preferito veloci o addirittura senza la presenza di voci lente, visto che di interrogazioni verso il consiglio non ve ne sono molte.
Ma in enbtrambi i casi, vista anche la mole di ITPUG, ritengo che ci possa ritenere piu' che soddisfatti dei risultati riportati.




 Diffusione

Sul lato diffusione i risultati sono un po' piu' deludenti: mentre i soci conoscono il nostro planet ufficiale wwww.planetpostgresql.it non tutti i soci sono disponibili a partecipare al livello di diffusione atraverso esso o altri articoli.




Analogamente, la mailing list tecnica ad accesso libera messa a disposizione dal PostgreSQL.org è poco conosciuta fra i soci, e di conseguenza non viene utilizzata propriamente allo scopo per discussioni tecniche anche esterne l'associazione.

Sempre dal lato diffusione, pare che non sia ben chiaro che ITPUG svolge anche altri eventi oltre al ben noto PGDay.IT (ad esempio partecipazioni a conferenze di altra natura e locali, come LinuxDay, LinuxArena, ecc).



Update: 23 Febbraio 2015

Da una interessante discussione in mailing list soci è emerso che uno dei problemi legati al non voler contribuire attivamente con articoli, blog, ecc., è dovuto al fatto che ciò richieda impegno costante e tempo necessario per la scritura di un articolo di buona qualità. A questi fattori si aggiunge anche il fatto che spesso ci si trova, nel proprio ambito lavorativo, a fronteggiare problemi di nicchia (o non particolarmente diffusi) e quindi anche scriverci articoli a riguardo rischia di risultare come tempo buttato, perché poche altre persone si troveranno a fronteggiare la stessa situazione.
La mia opinione personale è che tutte le motivazioni di cui sopra siano sbagliate. Anzitutto non è vero che la diffusione di PostgreSQL richieda una cadenza fissa. Certo, è molto bello e comodo per tutti noi, come utenti, poter leggere notizie aggiornate a cadenza fissa, qualcosa di simile alla PWN. Ma ci si può accontentare anche di qualche piccolo articolo spot che mostra un trucco o una potenziale soluzione ad un problema. L'importante è condividire una base di conoscenza, sia essa certa o empirica. Riguardo al tempo necessario per scrivere, beh quello è indubbio. Ci sono persone che, fra i compiti del proprio lavoro, devono anche scrivere articoli tecnici, e altre (come il sottoscritto) che deve sottrarre il tempo ad altre attività. Eppure qualche minuto per scrivere anche un articolo o prepararlo offline si può sempre trovare. A volte basta commentare una nuova feature, o notificare al mondo una patch, o una nuova community...insomma, le idee per la divulgazione sono veramente tante.

Ma il punto sulla scrittura di articoli pone anche un altro aspetto in evidenza, piu' celato forse, ma che può riguardare il sito web istituzionale. Spesso ci si interroga se il sito web debba essere altamente dinamico e CMS-oriented, ma il dubbio tende a svanire se poi non vi sono contributi costanti da pubblicare. Anzi, a mia personale opinione, in tal senso un generatore di pagine statiche potrebbe semplificare e invogliare i soci a scrivere piccoli articoli/notizie/resoconti senza la complessità di una vera installazione CMS.

Una cosa che però mi sento di sottolineare è che tutti sono all'altezza dello scrivere un articolo e del contribuire alla diffusione della conoscenza, a qualunque livello. PostgreSQL (e soprattutto ITPUG) non è community fatta solo per gli esperti o i guru. Si può iniziare con dei baby-steps e si può crescere strada facendo. E senza la condivisione pura e sana nessuno di noi potrà mai definirsi un esperto.

Quota sociale

La quota sociale appare per la maggior parte dei soci appropriata, e a tal proposito lo sarà ancora di piu' ora che è stata ridotta per l'anno 2015.

Conclusioni

Sommariamente si può dire che ITPUG sta andando bene, e che rispetto a due anni fa, il lavoro svolto a portato i soci e l'associazione in uno stato di benessere generale migliore. Ma allo stesso tempo c'è ancora molto da lavorare e da fare soprattutto nel coinvolgimento attivo dei soci e nella diffusione delle varie proposte e iniziative.

L'augurio è anche quello di ripetere con frequenza sempre maggiore sondaggi di questo tipo, che possono fornire indicatori di valutazione circa il lavoro svolto nell'associazione stessa.


domenica 22 febbraio 2015

ITPUG interview

Thanks to the effort of some of our associates, we were able to perform a short interview to our associates themselves in order to see how ITPUG is working and how they feel within the association.
The results, in italian, are available here for a first brief description.
As a general trend, ITPUG is going fine, or even better of how it was going a few years before. However there is still a lot of work to do in order to spread the PostgreSQL word and to make our associates a little more involved in the community itself.
As a last word, I believe this kind of interviews should be performed on a regular basis in order to keep under control the work of the association and of its members.

Update: Feb 23
It seems that this kind of interview, and consequently the result inspection/analysys, generated a good discussion among the ITPUG members, that is I'm proud of thia other interesting result in the general management of the association. 

sabato 14 febbraio 2015

About job interviews...

I found this very interesting article on how to perform a good job interview in the case you don't want to hire a good developer. In other words, do we still need to focus on the merge-sort or alike to know that we are facing a skilled developer?