venerdì 9 dicembre 2016

Vaffa... dell'avvento: 9 Dicembre

Musica: Keane - Is it any wonder?

I social network sono per me una vera e propria piaga.
Ho tenuto tante lezioni sull'importanza del corretto uso di questi strumenti che, ahimé, si nutrono letteralmente dei contenuti degli utenti e della loro malattia di esprimersi al mondo.
Ma uno dei problemi dei social network è che hanno dato voce a una serie di imbecilli universali che non fanno altro che sputare sentenze, offese e opinioni poco documentate e fondate solo sul passaparola invece che su una concreta azione di documentazione.
Cerco quindi di astenermi il piu' possibile da questa trappola dei social network, ma ogni volta che ci finisco dentro provo una gran voglia di mandare a fanculo il 99% degli utenti.

giovedì 8 dicembre 2016

Getopt::Long::Descriptive

Getopt::Long::Descriptive è al momento il modulo che uso di piu' per le applicazioni Perl "serie", quelle dove devo fornire un minimo di supporto alla configurazione da linea di comando.
Gli svantaggi di questo modulo sono a mio avviso veramente pochissimo, e il primo è sicuramente e oggettivamente il fatto che non è distribuito con la versione core di Perl 5, il che complica un po' la portabilità di alcuni script su altri sistemi.
Questo bell'articolo descrive bene il modulo in questione.

Vaffa... dell'avvento: 8 Dicembre

Musica: Puddle of Mudd - Famouse

E' molto bello interagire con la comunità per quanto riguarda i bambini, i propri figli.
Ma quando i genitori prendono il sopravvento...beh diventa irritante.
Se i genitori non capiscono che al centro devono stare i bambini allora tutto diventa superfluo, o meglio diventa superfluo per i bambini.
Se il carro di carnevale, giusto per fare un esempio, viene fatto per tenerci sopra i genitori e non i figli allora c'è qualcosa che non va.
Se la recita è fatta con soggetti e ambientazioni che difficilmente i bambini capiscono, allora c'è qualcosa che non va.
Se i compleanni sono organizzati per radunare i genitori invece che i bambini, allora c'è qualcosa che non va.
Genitori con manie di protagonismo: andate a fanculo.

mercoledì 7 dicembre 2016

Vaffa... dell'avvento: 7 Dicembre

Musica: Guns'n Roses - Locomotive

Se si viaggia usando il potente e rinomato "gigetto" (con la "g" minuscola) il vaffanculo e' quasi automatico.
I treni che si alternano, oltre ad essere vecchi e malandati, sono sporchi e puzzolenti.
I viaggiatori stessi non sono migliori del treno: chi appoggia i piedi sui sedili, chi abbandona cibo, sacchetti, fazzoletti e altre cose viscide e umide ovunque, chi sputa per terra e chi urla al telefono.
Viaggiare con questo mezzo e' avvilente, non solo per quanto sopra, ma anche e in particolare per il costo esagerato che sarebbe molto meglio ammortizzato in auto.
Per non parlare degli inconvenienti quali ritardi, cancellazioni, bus sostitutivi che poi non ci sono (anche se vengono regolarmente annunciati).
Che schifo!

martedì 6 dicembre 2016

PGDay.IT 2016: cena sociale

Ormai manca pochissimo al prossimo PGDay.IT 2016, ed è ora ufficiale che ci sarà anche la cena sociale, con una organizzazione meno formale rispetto agli anni passati.
Se volete unirvi al gruppo che tiene in vita la conferenza fatevi trovare la sera prima dell'evento presso il locale Camelot 3.0.

Quando scrivere gli articoli scientifici diventa un'arte

Un interessante articolo su come sia possibile utilizzare strumenti evoluti, anche se apparentemente antichi, per creare un workflow di editing degli articoli scientifici.
Ormai io non scrivo piu' molte pubblicazioni scientifiche, ma quando lo faccio uso strumenti molto simili. L'università invece, e paradossalmente, ha sempre cercato di condizionarmi mentalmente all'uso di strumenti di editing "piu' user-friendly" (leggasi Microsoft) e nessun controllo di gestione se non il Salva con nome e l'aggiunta di un numero progressivo...insomma, altro che approccio scientifico!

lunedì 5 dicembre 2016

Vaffa... dell'avvento: 5 Dicembre

Musica: Foo Fighters - The feast and the Famine


Viviamo in un mondo sempre piu' interconnesso, che banalita'!
Ma quando vedo gente che gia' alle 7 della mattina e' ipnotizzata da cellulare o tablet alla fermata dell'autobus o del treno mi sale un prurito alle mani.
Ma chi ti credi di essere?
Possibile che il mondo abbia bisogno proprio di te a quell'ora?
Possibile che se non alzi gli occhi da quel dispositivo il mondo possa crollare?

Prova a ragionare, utente stolto: stai pagando profumatamente una compagnia telefonica che inonda il mondo di onde, forse nocive, per scrivere minchiate delle quali probabilmente non frega nulla a nessuno (un po' come questo post).

E quando poi ti trovi davanti ad una conversazione tridimensionale non sai nemmeno fornire un saluto di educazione.

Continua pure a portarti il tuo dispositivo intelligente (forse piu' di te) al cesso, appoggialo sulla scrivania dell'ufficio, sulla tavola dove mangi, sul sedile della macchina e in tasca della camicia. Continua a instupidirti e a inondarti di germi.
E vai affanculo!